Azienda

La nostra storia inizia qui

Le Origini
L'Attività
Cambiamenti
Oggi
La nostra storia ha inizio grazie alla dedizione e all’impegno di Giuseppe Oliva e Maria Perniola. Insieme a loro nasce la tradizione e la passione per la produzione esclusivamente di olio extra-vergine d’oliva secondo il metodo della prima spremitura a freddo.
Maria perde il suo compagno di lavoro e di vita e con grande impegno e dedizione decide di proseguire la gestione dell’attività.
Porta avanti il suo progetto e modifica la struttura e gli impianti sfruttando le nuove tecnologie del settore.
Maria crede tanto nel suo progetto e decide di farsi affiancare nella gestione del frantoio da sua figlia Patrizia e il marito Biagio.
Insieme lavorano con passione e dedizione per far crescere e sviluppare l’attività.
Biagio e Patrizia oggi producono insieme ai loro 3 figli olio extra-vergine d’oliva e si occupano della trasformazione di olive di terzi mediante il metodo dell’estrazione a freddo.
È una storia che unisce una famiglia da tre generazioni.

1963
1971
1986
2020

La storia di una famiglia che ha fatto del proprio progetto professionale, un progetto di vita. Tre generazioni a confronto con approcci diversi, modelli di pensiero plasmati nel tempo ma con lo stesso scopo: portare avanti l’azienda che si è fondata sull’amore, le tradizioni e sul lavoro di una famiglia forte e unita.
Tutte le emozioni che compongono questa storia le troverete racchiuse nel sapore dell’olio Perniola, deciso, carismatico, indimenticabile.

Produzione

Siamo molto attenti alla qualità del nostro prodotto e ci assicuriamo che i processi produttivi siano controllati e organizzati nel dettaglio.
L’intero processo di trasformazione è molto complesso.
Ci teniamo comunque a raccontarvi le linee guida della nostra produzione il cui obiettivo è garantire un alto standard di qualità.

RACCOLTA

La raccolta generalmente ha inizio da ottobre fino a dicembre secondo le condizioni climatiche. Questa fase è critica e delicata perché se le olive non vengono raccolte al momento giusto si rischia la macerazione. La raccolta a mano, detta brucatura, è il miglior metodo anche se molto costoso e lento, perché assicura l’integrità’ dell’oliva. La nostra azienda da sempre effettua la raccolta manualmente o tramite la pettinatura, ossia lo scorrimento di appositi rastrelli automatici lungo i rami e la caduta spontanea delle olive mature per ottenere un olio senza difetti organolettici e con bassissima acidità.

DERAMIFICAZIONE

Le olive vengono portate al frantoio e depositate in appositi contenitori detti comunemente “cassoni” o bins. Prima della fase di frangitura vengono depositate in una tramoggia in acciaio e trasportate in un macchinario chiamato defogliatore, dove vengono eliminati rami, foglie, pietre e terreno eventualmente presenti. Successivamente, le olive vengono lavate, da un apposito macchinario che elimina tutte le impurità,e depositate in una seconda tramoggia di acciaio pronte per la fase di frangitura.

FRANGITURA

Le olive vengono trasportate automaticamente da una coclea in acciaio, in un frangitore a coltelli che ha la funzione di sbriciolare le olive e il suo nocciolo, ottenendo un impasto omogeneo, la cosiddetta “pasta di olive”. L’impasto ottenuto transita attraverso uno scambiatore termico che raffredda o riscalda la pasta, prima della gramolazione, a seconda della temperatura della materia prima.

GRAMOLATURA

L’impasto ottenuto viene rimescolato dolcemente e lentamente per circa 30-40 minuti, garantendo con dispositivi certificati la temperatura sempre inferiore ai 27°, al fine di unificare le molecole d’olio separate dall’acqua. Questa processo si deve svolgere in maniera perfetta , in quanto la corretta gramolatura favorisce uniformità delle gocce di olio indispensabile per la successiva fase di lavorazione.

ESTRAZIONE

La pasta di olive attraversa una centrifuga orizzontale a tre fasi, detta decanter, che, tramite l’azione rotante del tamburo, la divide in 3 prodotti: la sansa vergine di oliva, sottoprodotto inviato al sansificio per la trasformazione in olio di sansa e combustibile; l’acqua di vegetazione, sottoprodotto utilizzato come fertilizzante agricolo nei nostri uliveti e il pregiato mosto oleoso.

SEPARAZIONE

La pasta di olive attraversa una centrifuga orizzontale a tre fasi, detta decanter, che, tramite l’azione rotante del tamburo, la divide in 3 prodotti: la sansa vergine di oliva, sottoprodotto inviato al sansificio per la trasformazione in olio di sansa e combustibile; l’acqua di vegetazione, sottoprodotto utilizzato come fertilizzante agricolo nei nostri uliveti e il pregiato mosto oleoso.

PRODOTTO FINITO

L’olio ottenuto viene stoccato in cisterne di acciaio, aventi impianto di azoto, posizionate in un deposito a temperatura controllata in modo da preservare le caratteristiche organolettiche e chimiche del nostro prodotto.

Il nostro olio extra vergine d’oliva si caratterizza per l’esclusivo colore verde con riflessi dorati, profumo intensamente fruttato e sapore deciso con sentori di amaro e piccante.